Phalenopsis

CLASSIFICAZIONE BOTANICA

Regno: Plantae

Ordine: Asparagales

Famiglia: Orchidaceae

Genere: Phalenopsis

Specie: Phalenoposis amabilis (esistono molte specie)

Descrizione

Curiosità:

Esistono circa 70 specie di Phalenopsis, è una pianta epifite cioè che vive sopra altre piante. Originaria della fascia Asiatica tropicale e sub-tropicale e Autralia. Il suo nome deriva dalle parole greche phalaen (farfalla) e opsis (simile) per via della somiglianza del fiore con le farfalle. E l’orchidea più conosciuta e venduta al mondo. La fioritura ha una durata prolungata anche come fiore reciso, dovuto alla tenacia di queste piante nel perpetuare la propria specie. Il frutto capsula contine una grandissima quantità di semi per questo l’impollinazione richiede molto polline e lungo periodo di inpollinazione, il fiore ha un lungo periodo di fecondità, quelle che non vengono fecondate durano più a lungo.

Cura:

La Phalenopsis necessita di di luce abbondante ma non diretta, va bene una finestra a sud o dietro una tenda leggera se in una finestra dove gira il sole, preferisce avere le radici sempre umide, quindi in estate bagnare due volte la settimana ed in inverno una volta la settimana, meglio se al mattino in modo che la notte le foglie siano completamente asciutte. In ambiente naturale l’umidità ottimale si aggira intorno al 70 % per riprodurre questo ambiente si può posizionare un sottovado o una ciotola in cui disporre dell’argilla espansa o giaia dove versare un po di acqua, dipsonemdo il vaso su di questo in modo che le radici non vengano a contatto diretto con l’acqua, l’acqua evaporando riprodurrà un microclima umido. Un altro rimendio è quello di nebulizzare lievemente ogni mattino le foglie con acqua demineralizzata, specialmente se in casa si ha un ambiente secco. E buona norma se si hanno piante in casa di dotare i termosifoni di umidificatori per mantenere un’ adeguata umidità durante il loro funzionamento. Esistono diverse scuole di pensiero per il taglio degli steli dopo la fioritura, alcuni dicono di tagliarli completamente in modo da generare più rami nella prosssima fioritura, chi dice di spuntarli sopra il secondo internodo del ramo, chi addirittura predilige lasciarli, lasciamo a voi la scelta di sperimentare. La causa principale di non fioritura è tipicamente legata alla poca luce, quindi assicurarsi che sia esposta ad una buona luminosità, per indurre la fioritura serve uno scostamento di temperatura di due settimane a 15-16 gradi ed in contemporanea una lieve riduzione della luminosità, dopodichè ripostare la pianta alla luminosità e temperatura adeguata intorno i 20- 22 gradi e attendere la venuta di una nuova infiorescenza. Periodicamente pulire la superfice delle foglie con un batufolo imbevuto di alcol.

 

 

Phalenopsis

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Phalenopsis”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.